STUDIO K - LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE


di B.M. Koltès

Uno straniero, alla ricerca di una stanza, abborda un giovane in una notte di pioggia.
Racconti notturni di un mondo fatto di porci, puttane, donne su un ponte, bambini, generali... un mondo dove si può ancora dire ti amo.

Sinossi

La pièce ruota attorno al tema dell'amore.
Koltès ci mostra il mondo in cui viviamo, una dimensione al rovescio in cui solitudine, lavoro, denaro, interessi personali hanno preso il sopravvento;
sceglie come paladino dell'amore un uomo solo, straniero, ricercatore ed idealista, un uomo della strada diretto e determinato, un uomo che cerca l'altro, cerca una stanza, cerca un compagno. Un'anima. Un uomo libero.
ci regala un percorso, duro e poetico, per tornare a vedere la luce nella notte.
Bernard-Mariè ci parla di amore e sembra suggerirci una via per tornare ad amarci ed ad amarsi.

Un monologo scritto senza un punto, un fiume di parole.
La forma teatrale scelta per giocare questa pièce è quella di un teatro aperto.
L'attore in costume, sotto una luce che illumina tutto lo spazio teatrale, parla a non più di 60 persone.
La scrittura diretta e poetica di Koltès richiede nel gioco d'attore una grande leggerezza. Solo non appesantendo e sottolineando la drammaticità delle scene si permette al testo di respirare e di far emergere quel senso ultimo leggero ed impalpabile che l'autore sembra suggerire.

Appunti di viaggio.
"Il lavoro nasce come studio e rimane tale. Ogni replica è una prova aperta. Nell'attore il senso del materiale si chiarisce e consolida con il tempo di conseguenza la forma teatrale non dovrà vincolare questo processo quotidiano.
Solo attore e testo si incontrano con il pubblico.
Il materiale di Koltès richiede una nudità totale ed una onestà che solo giocando al presente è possibile ritrovare."

Scheda Tecnica

1 attore in scena

Scenografia:

1 sedia

LUCI

Luci sufficienti ad avere un piazzato diffuso sul palco.
Il lavoro può essere messo in scena in qualsiasi spazio, teatrale o no, purchè molto raccolto.

Luci necessarie: 16 Pc da 1000 W
Luci esterne: 6 PC (2 puntati sulla platea e 4 puntati sul palco)
1° americana e: 4 PC frontali
2° americana: 3 PC (1 PC a pioggia, 2 PC di taglio, 2 PAR )
3° americana: 3 PC controluce (1 PC centrale e 2 PC laterali)
E' possibile che il parco luci vari in funzione della grandezza dello spazio teatrale e delle disponibilità del teatro.
Non si usano gelatine.
Se non c'è americana si organizzano le luci in altro modo.
Non ci sono cambi luce se non all'inizio.

MUSICA

Non ci sono musiche

Durata indicativa:

70 minuti.

Montaggio:

30 minuti. Il tempo necessario a spostare i puntamenti precedenti.
Può eventualmente essere necessario modificare la disposizione della platea.

Smontaggio:

10' minuti.

Video

Il video è nato come "incontro video-teatrale" per Ubusettete 06.
Il materiale è stato filmato agli inizi di ottobre del 2006. Sono state riprese una "filata" alla stazione ed una filata (con brevi interruzioni per gli spostamenti) all'interno di una ex-acciaieria.
Il video è stato preparato in funzione di un incontro tra "l'attore in video" e gli spettatori in sala.
Da allora il gioco teatrale è mutato. Rimane inalterata la natura dell'incontro: un attore a nudo che nell'incontro con lo spettatore da vita al personaggio ed alla sua storia.
Il gioco realizzato dall'attore si rinnova di giorno in giorno.

Promo I Part - 2008

Promo End - 2008

Studio K Video - 2007

 Crediti

STUDIO K - LA NOTTE POCO PRIMA DELLE FORESTE
di B.M. Koltès
Diretto e interpretato da Saba Salvemini